LA NOSTRA STORIA

Noi, come altre migliaia e migliaia di famiglie Modenesi, abbiamo da sempre prodotto Aceto Balsamico Tradizionale di Modena D.O.P. per autoconsumo; ci risulta perciò molto difficile definire quando sia nata la tradizione di famiglia. Può aiutarmi il fatto di avere botti appartenute al mio bisnonno ma sono sicuro che se mi fermassi li toglierei meriti a qualcuno.

La svolta avvenne negli anni settanta — un periodo nel quale l’aceto balsamico si produceva esclusivamente per passione e autoconsumo — quando mio nonno Giorgio decise di avviare ben trecento botti. Diciamo che all’epoca, pur godendo di grande stima a livello imprenditoriale, sociale e personale, sono piuttosto sicuro che qualcuno abbia dubitato della sua lucidità!

All’epoca nessuno sapeva (o forse qualcuno si) che a metà degli anni ottanta il prodotto che custodivamo gelosamente nei nostri sottotetti sarebbe piaciuto, e molto, anche ai non modenesi e che questi erano interessati e intenzionati ad acquistarlo. Mio padre Mario e mio nonno decisero quindi di investire ulteriormente nella loro passione!

Purtroppo mio nonno ci ha lasciati nel 1989 prima di vedere il progetto completato. Onestamente non so se siano bastati quei 40 giorni insieme o più probabilmente la grande passione di mio padre (a me piace pensare entrambi) ma ora “l’oro nero di Modena” scorre vivo anche dentro di me.

Attualmente mio padre e io abbiamo circa 1300 botti, i nostri vigneti, la sala lavorazioni e siamo diventati da anni una delle aziende di riferimento del settore.

Giorgio Gambigliani Zoccoli